beauty

Anticellulite Pupa: il verdetto finale

(this is only for italian readers, I’m sorry)
La mia avventura con il trattamento anticellulite Pupa è ufficialmente conclusa. Ricordate le mie prime impressioni e la prova dopo due settimane? Ora dopo quattro settimane di utilizzo sono pronta a dirvi cosa ne penso.
Ricapitolando: ho utilizzato il gommage intensivo anticellulite, un trattamento di micro-esfoliazione cosmetica a effetto drenante che combatte la ritenzione idrica e rende la pelle liscia al tatto e visibilmente più tonica, due volte a settimana sulla pelle asciutta e poi risciacquato sotto la doccia; ho poi applicato l’anticellulite anti acqua intensivo, una lozione che agisce contro gli inestetismi della pelle a buccia d’arancia e aiuta a trattare i tessuti gonfi e poco tonici
 e la ritenzione idrica, che va massaggiata tutti i giorni, mattina e sera, con movimenti energici e circolari dal basso verso l’alto per favorire il drenaggio.
Confesso che la mia costanza è stata altalenante (ma scommetto che succede a tutte!), alcune sere ero troppo stanca per pensare di applicare la crema nonostante la sua facilità di assorbimento e ho rimandato al giorno dopo pensando che “in fondo non era un peccato così grave” e dopotutto “la mia cellulite non è mica così visibile”. Insomma, piccole grandi scuse che ci raccontiamo di tanto in tanto. Con il gommage invece sono stata più diligente, anche perché è un prodotto che mi è piaciuto molto ed è stato un vero piacere “coccolarmi” utilizzandolo prima di fare la doccia.


Le mie impressioni finali?
La cellulite è ancora lì, ebbene sì. E’ un po’ meno visibile, certo, ma c’è ancora.
Se ci aggiungete il fatto che è ormai un mese che ho abbandonato il mio training in piscina (per motivi che ora non sto a raccontarvi) e che quindi non faccio alcun tipo di attività sportiva, beh direi che guardando il mio lato b non posso ancora ritenermi soddisfatta.
Sono comunque convinta che alla base della “lotta alla cellulite” sia indispensabile fare attività fisica in maniera costante e avere un’alimentazione sana ricca di fibre e povera (poverissima!) di sale. Con questi due piccoli accorgimenti posso assicurarvi che la mia cellulite è davvero ridotta al minimo, prima di eliminare quasi del tutto salumi e insaccati dalla mia dieta la pelle a buccia d’arancia era molto più estesa ed evidente e, inoltre, pratico in maniera più o meno costante attività fisica durante l’anno.
Spero che il mio resoconto e la mia esperienza possano esservi utili… la prova costume si avvicina e sappiamo bene cosa significa!

Articolo sponsorizzato

4 Comments

  • Quindi ci lasci intendere che ciò che fa la differenza non è tanto la crema quanto uno stile di vita sano ed attivo??? Anche io la penso così, le creme, in generale, aiutano solo a migliorare l’elasticità della pelle e a farla apparire un poco più distesa…ma la malefica cellulite rimane sempre lì inossidabile e odiosa…uff!!!

    Rispondi
  • Io un tempo usavo l’anticellulite della Nivea e lo trovavo meraviglioso… Ma ha fatto questo effetto solo a me tra tutte le mie amiche!
    Adesso ho preso la Somatoline, donando un polmone per comprarla, vediamo cosa combina 🙂

    Je-Ne-Sui-Pas-Blog

    Rispondi
  • Aspettavo il tuo resoconto prima di decidere se passare in profumeria… messaggio recepito: come tutte le altre creme. Vorrà dire che mi terrò i soldi in tasca e la cicciulite sulle chiappe.

    Rispondi
  • io lo dico sempre ke la guerra alla cellulite va combattuta prima di tutto a tavola… le creme migliorano solo l’aspetto ma nn fanno miracoli… poi tu cmq nn hai molta cellulite, magari facendola provare ad una con una bella cellulite localizzata l’effetto si sarebbe visto molto di più…

    Rispondi

Write a comment