skincare-coreana-2
beauty

Skincare coreana: tutti i passaggi e come inserirli nella nostra routine

Le donne asiatiche sono da sempre ossessionate dalla cura della pelle. Basti pensare a quanto sono attente a non prendere il sole, conservando il candore e la morbidezza che le contraddistingue.

Ma sono le coreane che, più di tutte, hanno fatto della loro skincare una vera e propria arte o, meglio ancora, un rituale da seguire religiosamente. La skincare coreana è diventata celebre anche per l’utilizzo di prodotti specifici di cui prima non conoscevamo neppure l’esistenza. Molti di questi prodotti vengono proprio dalla Corea e sono di marchi asiatici esclusivi che sono approdati da poco nel nostro mercato della bellezza.

Ma come funziona la skincare coreana? E’ fattibile per noi italiane?

La skincare coreana: tutti i passaggi

Questo particolare rituale della cura del viso è formato da 10 step che vanno ripetuti al mattino e alla sera. Alcune donne ne seguono qualcuno in più, altre qualcuno in meno, ma qui voglio illustrarvi quelli più comuni.

Ecco i 10 passaggi in pillole e i relativi prodotti:

1. Detergente oleoso

Serve a rimuovere tutti i residui di make-up, creme, inquinamento sul viso. Un detergente oleoso o un latte detergente sono quelli più indicati a questo scopo.

2. Detergente schiumoso

Elimina i residui oleosi del primo passaggio, è fondamentale per avere la pelle perfettamente pulita.

3. Esfoliante

Da fare due o tre volte la settimana per eliminare le cellule morte che fanno apparire la nostra pelle spenta.

4. Tonico

Usare un tonico dopo la detersione è essenziale per ristabilire il ph della pelle e prepararla agli step successivi. Un buon tonico aumenta anche l’efficacia dei prodotti che verranno utilizzati in seguito.

5. Essenza/Booster

Si tratta di un prodotto liquido ricco di ingredienti attivi concentrati, da picchiettare sulla pelle con le dita e lasciare asciugare prima di passare allo step successivo. A questo si può aggiungere o sostituire il siero.

skincare-coreana

6. Contorno occhi

E’ il momento di concentrarsi sull’area del contorno occhi, scegliendo una crema adatta alle nostre esigenze. Ricordate: non è mai troppo presto per cominciare a prendersene cura.

7. Maschera in tessuto

Ecco uno dei prodotti coreani che ha avuto più successo anche da noi in Italia. Questo è il momento giusto per utilizzarla, sia al mattino che alla sera, da scegliere in base alle proprie esigenze. Alcune routine ne prevedono l’utilizzo quotidiano, altre si limitano a inserirla da una a tre volte la settimana.

8. Trattamenti specifici

Oli per il viso in caso di pelle secca, trattamenti localizzati all’acido salicilico per i brufoli, sbiancanti per macchie cutanee e così via. Vanno applicati in questo momento, dopo aver fatto assorbire i residui cremosi della maschera e prima di passare oltre.

9. Crema idratante

E’ finalmente arrivato il momento della crema, dopo ben 8 passaggi! Dopo aver deterso, purificato, nutrito e preparato la pelle, l’abituale crema idratante sarà molto più efficace perché troverà un “terreno” maggiormente pronto ad assorbirla.

Variante notturna: una o due volte a settimana, la routine coreana prevede lo “sleeping pack” ovvero un trattamento con maschera senza risciacquo – o uno strato molto spesso di crema idratante – da lasciare in posa tutta la notte e risciacquare al mattino.

10. Fattore di protezione

Per le asiatiche la pelle candida è un enorme vanto, ecco perché l’SPF merita un passaggio a parte. La crema solare protettiva viene aggiunta dopo la normale crema idratante per essere sicure di schermare completamente i raggi solari.

Come inserire la skincare coreana nella nostra routine

Diciamoci la verità: per una skincare del genere ci vorrebbero giornate di 48 ore! L’idea di seguire ogni giorno 10 passaggi al mattino e 10 alla sera sembra davvero folle per noi che siamo abituate a correre senza quasi mai fermarci.

Dalla skincare coreana, però, possiamo imparare a integrare alcuni passaggi che ci aiutino a potenziare l’effetto delle creme e a migliorare l’aspetto della nostra pelle. Qualche esempio?

Aggiungere un detergente oleoso prima di quello abituale può essere un plus per struccarci la sera in maniera impeccabile. Usare una maschera in tessuto due o tre volte la settimana, prima della crema viso, ci aiuterà a preparare al meglio la pelle anche in vista di un evento speciale. Sforzarci a usare il tonico e la crema contorno occhi ci regalerà dei benefici davvero impagabili a lungo andare.

Insomma, possiamo fare nostri alcuni di questi punti e seguirli nel quotidiano, mentre possiamo seguire alla lettera tutti i passaggi a cadenza settimanale per dedicarci un po’ più di tempo e farci una coccola che fa bene alla pelle e all’umore. Non trovate?

2 Comments

  • Sinceramente non potrei mai fare tutti quei passaggi sono davvero troppi, e il tonico lo uso solo dopo lo struccaggio, per non parlare Delle maschere di cui quasi sempre mi dimentico

    Rispondi
  • […] Il principio è lo stesso del sistema di pulizia del viso Luna: si passa il dispositivo su tutto il viso con movimenti circolari per tutta la durata del trattamento. Sul retro di Foreo UFO è presente un anello in plastica che serve a fissare la maschera da utilizzare insieme al dispositivo. Attualmente esistono due tipi di maschera: la maschera giorno e la maschera notte. Queste vanno usate possibilmente tutti i giorni all’interno di una routine di bellezza che richiama il mondo della skincare coreana. […]

    Rispondi

Write a comment