outfits

Sick

Lo scorso week-end non è stato il massimo per me: ho preso la febbre e sono stata rinchiusa in casa per tutto il tempo. Ora va meglio, ma ho ancora un gran raffreddore (e il naso rosso!) e prendo ancora delle terribili medicine…

The last week-end wasn’t so good for me: I catched the flu and I stayed home all the time. Now I feel better but I still have a big cold (and a red nose!) and I’m still taking a bad medicine…

Ciononostante lunedì sono dovuta uscire per sbrigare delle cose importanti. La mattina avevo un appuntamento con un prof che non si è presentato (che coerenza!) e per sfogare la rabbia nel pomeriggio sono andata a fare un po’ di shopping: ho comprato le mie nuove scarpe preferite e un anello che non posso mostrarvi perché la mia fotocamera sta facendo i capricci, ma spero di farlo presto!
Sono riuscita a scattare un paio di foto prima di uscire, c’era un vento terribile ed è stato difficilissimo perché la macchina ha rischiato di cadere un paio di volte! Non che sia un outfit memorabile, per non parlare del mio aspetto, ma è stato un pretesto per fare due chiacchiere con voi 🙂

Nonetheless last monday I had to go out to do something important. In the morning I had an appointment with a professor who didn’t come (what a coherence!) and since I was very angry I did some shopping in the afternoon: I bought my new favourite shoes and a ring but I can’t show them to you because my camera has tantrums, hope to do it soon!
I managed to do some pics before I went out, there was a terrible wind and it was very difficult because my camera risked to fall down twice! It isn’t a great outfit nor is my face but it was a pretext of chattering with you 🙂

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic
I was wearing: ZARA Jacket and Leggings, BERSHKA Tee, NO BRAND Boots and Bag (it’s very old!), VINTAGE rings

Ho notato in vari blog (italiani) il crescere di una vera e propria ‘mania di protagonismo’: raduni, interviste tv, servizi fotografici e chi più ne ha più ne metta. Non vi sembra che si stia perdendo il senso del blog in favore di un ‘wannabe famous’ esasperato?
Personalmente AMO il mio blog e amo che sia seguito, significa molto per me e sono felice di poter parlare di moda e condividere il mio punto di vista con tutte voi. Ho anche incontrato alcune ragazze (e spero di poterne incontrare tante altre!) ed è stato come incontrare delle vecchie amiche. Non faccio tutto questo per diventare ‘qualcuno’, non l’ho mai pensato e mai sarà così.
Voi cosa ne pensate?

P.S.: la mia non è una critica a queste ragazze, per carità…ognuno fa ciò che vuole! Anzi, sentire anche il loro parere mi farà molto piacere.

I noticed that in some (italian) blogs it’s rising a real ‘mania of protagonism’: gatherings, tv interview, photo shootings and so on. Don’t you think we are missing the spirit of blogging in favour of an exasperate ‘wannabe famous’?
I LOVE my blog and I love that people follow it, it’s important for me and I’m happy to talk about fashion and share my point of view with all of you. I met some girls too (and I hope to meet some more!) and it was like meeting some old friends. I don’t make all these things to be famous, I’ve never thought of it and I’ll never do.
What do you think about?

48 Comments

  • L’ultima parte del tu post la condivido.. eccome.. sembra che tutte vogliano cavalcare un’onda che alla fine è assolutamente effimera.. esasperando il tutto si perde di originalià nonchè di spontaneità..

    Rispondi
  • l’ho notato anch’io…
    trovo che si stia un po’ esagerando con questa storia delle fashion blogger…
    Condivido quello che hai scritto, anch’io amo il m io blog, mi diverte e mi ha fatto conoscere delle persone davvero interesanti. Credo che vada preso per quello che è un bel passatempo, non come un lavoro, o perlomeno prima di diventarlo deve passare del tempo e ci vuole studio e tante conoscenze tecniche che credo manchino alla maggior parte di noi!
    Leggere che dovrebbe essere riconosciuta la professione di fashion blogger francamente mi disgusta ( con tutti i problemi al mondo fare le suffragette per questa causa mi sembra assurdo!)
    mi piace seguire quei blog, come il tuo dove vedo uno stile personale, dove traspare la persona che lo scrive, le sue idee, i suoi gusti, non la mera ricerca di farsi notare!

    Rispondi
  • E’ vero ma a tutti piace essere letti, e molto contano i commenti. Dobbiamo essere sinceri anche in questo allora. Io sono uno che li legge, ma non ho neanche il tempo di scattare così tante foto. Credo sia stupido pensare di trasformare il blog quasi in un lavoro, in un paese come il nostro poi. La cosa brutta quando viene data la possibilità di stare su internet è che tutti si credono di saper fare tutto ed essere grandi conoscitori di moda. Io in primis sono uno che è stato accusato quando invece non ho mai vantato nessuna competenza.
    Guarda cosa accade quando dai una videcamera a un appassionato di cinema! Subito si sente un grande conoscitore di cinema e nuovo regista emergente…e poi vabbè…

    La cosa è un pò sfuggita di mano. Tutti vorrebbero essere conosciuti, commentati, ecc ma nessuno si sforza di rendere un pò originali i propri post…che vogliamo farci?

    Rispondi
  • Sono d’accordo con voi ragazze sull’esposizione mediatica dei blog: anche a me non piace molto.
    Ma non perche’ ritenga che sperare di lavorare nel mondo della moda attraverso i blog sia qualcosa di impensabile o sbagliato, tutt’altro!
    Se si e’ appassionate di moda e si hanno le cognizioni tecniche, ben venga trasformare un hobby in un lavoro, come hanno fatto molte famose blogger straniere.
    Pero’ ci vuole tempo, ci vogliono conoscenze tecniche, ci vuole passione e ci vuole quel qualcosa in piu’ che non si compra ne’ si conquista (ma si ha per istinto naturale) per diventare una fashion blogger “professionista”.
    E se non ci sono questi requisiti si rischia solo di cavalcare per un po’ l’onda di un fenomeno e poi bruciarsi.
    Quindi posso solo dire: chi vivra’ vedra’!

    Rispondi
  • Bello lo smalto dorato! E le tue nuove scarpe preferite quali sono?
    Sul discorso del protagonismo hai ragione, bisognerebbe sempre ricordarsi di non prendersi troppo sul serio, qualsiasi cosa si stia facendo..

    Rispondi
  • @Elena: esatto! poca originalità e pochissima spontaneità..è quello che ho notato anch’io.

    @irene e @Bailing: sono d’accordo con voi. chi lavora nel campo della moda (così come in tutti gli ambiti creativi) dev’essere competente e sapere quello che sta facendo e perché. milioni di persone al mondo sono appassionate di moda, non per questo sono tutte potenziali fashion editors! questa cosa di ‘usare’ il blog per trovare lavoro poi la trovo un po’ ridicola…

    @Rano: quando ho aperto il mio primo blog (su di un’altra piattaforma) all’inizio non ricevevo commenti..non sai che gioia quando è arrivato il primo! ho sentito che stavo davvero condividendo qualcosa. ora sono felicissima di avere tante persone che mi seguono (non avrei mai immaginato fossero così tante!) e che mi commentano, sono d’accordo con te nel dire che è proprio questo che rende un blog vivo. ma cercare nuovi ‘proseliti’ a tutti i costi la trovo una cosa sterile e insulsa.

    @Brunhilde: grazie! in realtà questo è più un bronzo, sono alla ricerca di qualcosa di meglio. le scarpe sono un paio di zeppe in legno (ti dò un suggerimento: sono le stesse di Ilanka di Fashionnerdic 😉 ) spero che la digitale rinsavisca così ve le mostro!
    Mai prendersi troppo sul serio, parole SANTE!

    Rispondi
  • La penso come te, e credo che i realty show abbiano fatto un po’ troppo girare la testa a molta gente! Che certe blogger abbiano fatto della loro attività un mestiere è un bene. Ma: hanno talento, sono colte, sanno scrivere, danno informazioni interessante, le loro foto sono stupende, il blog professionalissimo, e soprattutto non fanno protagonismo!
    Invece le italiane che dichiarano che stanno facendo un mestiere non hanno ancora l’età di sapere che cos’è pagare i contributi e fare vivere una famiglia. Perché non considerare che perdere tempo su FB è un mestiere a questo punto?

    Rispondi
  • Guarda come ben sai la penso esattamente come te. Ormai non si tiene più un blog per “divertimento” ma per diventare la fashion icon del momento e giù con servizi fotografici improvvisati in ogni dove, la ricerca esasperata della perfezione, un lavoro a tempo pieno, a me tutto questo un po’ fa ridere un po’ mette una tristezza immane. Ma queste ragazze ce l’hanno una vita?

    Rispondi
  • The whole blogging phenomenon is happening in the U.S, too. It’s rather grotesque. Your outfit looks darling and you can’t even tell that you’re not feeling well!

    Rispondi
  • Come non essere totalmente d’accordo con te… personalmente penso che si stia un pò calcando la mano tant’è che mi sono messa un pò da parte!
    “Il troppo stroppia”… e credo che tutto questo finirà come una bolla di sapone…
    Anche io amo il mio piccolo blog… non ho molti sostenitori, poco tempo per aggiornare e fare foto… ma non penso che riuscirei ad abbandonarlo ora come ora… detto questo non sono alla ricerca della notorietà… ho un lavoro, grazie a Dio… cosa che purtroppo molti ragazzi della mia età sognano… e per cui relego il mio blog nell’angolino della passione… senza contare poi che mi sta facendo conoscere delle persone stupende…

    Un bacio Myriam!

    Rispondi
  • Era un secolo che non commentavo!
    comunque, concordo con quanto è stato già detto dagli altri: è difficile, anche se non impossibile, che dai blog nascano delle opportunità lavorative.
    Va benissimo quindi tentar di sfruttarle…ma secondo me non si deve mai esagerare, anche perchè per lavorare in un ambito,che può essere la moda, come l’economia, il giornalismo,etc. bisogna avere sempre delle competenze, perchè altrimenti si rischia di venire scalzati in poco tempo.
    bisou

    Rispondi
  • Ciao Myriam!
    In primi rimettiti! Ti capisco io ho preso un virus cattivello che mi ha preso la pancia.. che palle! 🙁

    Poi volevo rispondere al tuo pensiero sulle fashion blogger e la loro mania di protagonismo.

    Io parlo della mia esperienza personale. Come sai e sapete io scrivo sul blog Irene’s Closet e tutto ciò che faccio è per passione. Non penso proprio che il mio blog possa diventare un lavoro a tempo pieno, sia perchè non ho un minimo di formazione sia perchè voglio vedere come fare a campare una famiglia gestendo un blog di moda! Tengo a precisare però che se mi venissero offertedi loro spontanea volontà delle opportunità lavorative, certo non le negherei, sia chiaro!

    Io rimango ben piantata per terra e per adesso, che non so cosa fare del mio futuro dato che mi sono appena laureata e non so se continuare con la specialistica, master o corso formativo (magari in ambito della moda) oppure iniziare a lavorare, dedico molto tempo e energie al mio blog. D’altronde oltre a lavoretti a chiamata non ho niente da fare fino a settembre!

    Ho risposto molto volentieri ad interviste, ho fatto delle collaborazioni che mi han portato a ricevere dei regali in cambio di articoli e a viaggiare “a gratis”! E questo sia chiaro lo faccio non per diventare una starlette come alcune blogger italiane che conosciamo bene. Le interviste mi hanno aiutato a riflettere su me stessa e sulla mia esperienza e, vederle pubblicate, anche su quotidiani, mi ha dato una grande soddisfazione per il tempo che spendo per il mio blog! I viaggi e apparizioni in tv (una sola, mi vergogno davanti alle telecamere, non mi piace affatto e penso proprio che non ripeterò) sono tutte esperienze che danno anche la possibilità di conoscere nuove persone e di sfuggire dalla realtà in cui vivo, almeno per un giorno!

    Anche i raduni e i servizi fotografici a cui ho partecipato hanno avuto, almeno per me, solo la valenza di momento aggregativo e prettamente ludico. Conoscere dal vivo persone con cui da mesi scambio opinioni è davvero una cosa meravigliosa!

    Ecco il mio punto di vista.

    Un bacio a tutti!
    Irene

    http://ireneccloset.blogspot.com

    Rispondi
  • più che d’accordo:) spesso avverto un vero e proprio senso di squallore nel girare in alcuni blog, lo devo dire, perchè la sensazione è che non facciano altro che vendere aria fritta: in fondo, non sanno fare nulla di che, a mio parere alcune non si vestono neppure bene, ma devono esserci, sempre, comunque, su tutte le “piattaforme” (si dice così?) possibili…le trovo tristissime!il mio blog è nato dalla voglia di scambiare opinioni con chi avesse la mia stessa passione per la moda, la letteratura, il cinema, la scrittura, dato che amo davvero scrivere…mi rendo conto da un po’ che mi sta servendo molto per chiarirmi le idee su quello che vorrò fare. se si è apprezzati in quello che si scrive, inutile dirlo che fa piacere!:)

    Rispondi
  • Forse da un certo punto di vista dire “voglio fare la fashion blogger”, attaccandosi allo stereotipo di quelle che funzionano, è il nuovo “voglio fare la velina”? Qui in Italia mi sa un po’ di si. Mah.

    Bel post comunque, bella la mise, e su su, vitamine che poi stai meglio. 🙂

    Rispondi
  • ah, e quello che mi son dimenticata di dire è anche che consiglio davvero a molte/i di prendersi meno sul serio: se non si hanno (magari ancora) competenze e capacità, il rischio è di apparire seriamente ridicoli!perchè non prendersi un po’ più in giro?si risulta subito molto più simaptici!

    Rispondi
  • è esattamente la stessa cosa che pensavo mentre davo un’occhiata agli ultimi eventi pubblicati da quelle che si autodefiniscono “fashion bloggers”.
    Anche a me piace la moda, anche a me piace seguire i blog e leggere notizie che riguardano la moda, e la studio anche all’università (con non poche difficoltà..ma siamo pur sempre in Italia e l’organizzazione è quella che è) ma per il mio blog ho deciso di non parlarne, almeno non come fanno altri, anche perchè non mi ritengo in grado di poter sparare sentenze o far credere a chi legge che io sappia chissà cosa..
    L’ho preso come un passatempo, un divertimento, un modo per socializzare e scambiarsi info utili! Preferisco parlare di me e di quello che faccio, o semplicemente di quello che penso, liberi gli altri poi di leggermi oppure no!

    Credo di aver capito che è un po lo stile del tuo blog, ma anche di tanti altri che ti seguono o che sono semplicemnet passati per dare un’occhiata.. Quindi continuerò a seguire questi blog anche se non siete apparsi in tv o non vi hanno ancora chiamati per un’intervista esclusiva 😉

    conta molto di più il modo in cui si scrive una cosa,il modo in cui se ne parla..è quello che piace a chi legge!

    un saluto da una random blogger 😉

    Rispondi
  • Son curiosa di vedere i tuoi acquisti, chissà come mai, ma quando si è un po’ incavolate si compra meglio!
    Il protagonismo spopola tra le bloggers, è un dato di fatto.
    Io? mi diverto una cifra, ma non ci campo! Resta un bel passatempo e basta.
    Gli incontri li ritengo bellissimi, al contrario di Nathalie, ma solo con chi conosco e prlo via web, altrimenti è un non-sense.
    Il punto è che c’è gente che si “traveste” in una persona che non è, tanto è barricata dietro ad un computer e dispensa consigli di moda e stile quando per prima non ne ha!
    Incontrarsi è la prova che non state parlando con un personaggio virtuale ma una persona vera. Come voi.

    Rispondi
  • bhè come everyday look è carino! io adoro i biker boots e spesso acnhe io adotto look simili nel quotidiano.
    Per il “protagonismo” mi trovi d’accordissimo. la penso esattamante come te 😀

    Rispondi
  • proprio ieri ho espresso sul mio blog i miei pensieri a riguardo, che peraltro sono molto simili ai tuoi. in particolare mi colpisce come il senso del pudore sia un concetto pressoché sconosciuto (se di pudore si può parlare a proposito del web)…probabilmente sono io che mi faccio un sacco di paranoie, ma ti assicuro che queste aspiranti starlette si troveranno molto male quando si tratterà di trovare un “lavoro vero”!

    Rispondi
  • Tesoro…vedi di tornare in super forma!!! *_* Tata sei bellissima cm sempre…stupendi gli anelli!!! Ho notato anche io qsta cosa!!! Io uso il mio blog cm una sorta di diario…ma è proprio da very normal peoplE!!!! Vivo una vita comunissima fin troppo…a volte mi reputo pure noiosa!!!sono fuori da qsto mondo di interviste ecc!!!

    Rispondi
  • Mi spiace Myriam dissentire dal parere che hai espresso, soprattutto perchè ti seguo da abbastanza tempo e ho molta stima di te.
    Personalmente, ho partecipato all’ultimo raduno e posso dire che l’unico scopo dei contatti con la “stampa” è stato quello di far capire che i fashion bloggers ci sono anche qui in italia (non so se hai visto l’intervista fatta da Veronica di Jeveronique in cui la metà delle persone intervistate a Roma non sapeva cosa fosse un fashion blog).
    Non penso che le ragazze che hanno partecipato al raduno siano alla ricerca della notorietà; se ti interessa sto preparando un post in cui parlo di ognuna di loro: tutte persone stupende e deliziose con cui mi ha fatto molto piacere incontrarmi.
    Spero non si generalizzi troppo su questo punto: se c’è qualcuno in cerca di notorietà, non vuol dire che lo siano tutte.
    Non per questo motivo smetterò di seguirti o di stimarti: il mondo è bello perchè è vario, sarebbe insopportabile se tutti la pensassimo allo stesso modo. A presto.

    Giulia
    http://theredgirlsmile.blogspot.com/

    Rispondi
  • Beh, concordo con quello che hai scritto, mi sono un pò stufata di sentir parlare del fenomeno delle fashion bloggers su e giù. Per me l’umiltà resta sempre la qualità più importante.
    Non vedo l’ora di vedere le tue scarpe!!

    Rispondi
  • Anelli e smalto STUPENDI (:

    Rispondi
  • concordo…con tutte le altre! bacioni!

    Rispondi
  • Cara My! Ciao!
    Io, come ben sai, sono sempre assolutamente pro agli incontri bloggers.
    Non faccio polemica, ma ho notato che alcune ragazze (per l’evento del week end scorso) avevano dato l’ok per la loro adesione…ma poi, visto che per lo stesso giorno era in programma qualcos’altro con le italian fashion bloggers, hanno disdetto. Quindi concordo con quello che tu scrivi.
    Ripeto, non mi piace polemizzare, anche perchè faccio parte di un’altra piattaforma. E le reunion a cui partecipo, sono solo con girls che già “conosco” virtualmente.
    P.s. la prossima che vorrei incontrare sei proprio tu!
    Bel post!
    Bacione

    Rispondi
  • già sai che condivido pienamente quanto dici… 😉

    un abbraccio forte

    Rispondi
  • Concordo con te Myriam anche se penso che questa corsa esasperata a una pseudonotorietà alquanto grottesca stia coinvolgendo un pò tutte. Più di qualche ragazza che ha concordato con te riempie quotidianamente Chiara di The blonde Salad di elogi sperticati e ne commenta ogni mise(tipo Irene C.il cui blog è uno di quelli che veramente mi piace meno). Molte blogger poi si lamentano di non avere visibilità, commenti etc. Vi seguo da molto tempo anche per lavoro -oltre che per personale diletto- e mi sento di dire spassionatamente che, a livello qualitativo, i blogger nostrani valgono poco. Consiglio a tutti di passare da Giulia di Rock and Fiocc: blog graficamente un pò grezzo ma veramente pieno di contenuti, spunti, input. Propone look sempre divertenti realizzati con pochi euro, ama visceralmente la moda, non fa il triste gioco del commenta tu che poi ti commento io(anche se la sua bella crisi causa zero commenti l’ha avuta anche lei!). Myriam io ti segui fin dall’inizio dello streetmemo e penso tu abbia fatto un bel salto!Blog curato, protagonismo poco, contenuti interessanti. Certamente The Blonde Salad ha innescato un trend (molto effimero e specchio di questi tristi tempi come le ho scritto l’unica volta che l’ho commentata), sta a voi chiamarvene fuori

    Rispondi
  • Mi dispiace che ha preso la febbre, sei bello.

    Capisco cosa vuoi dire, spero di avere un blog di successo e di andare sulla raccolta e di incontrare altre persone con gli stessi interessi. Ma non per essere famoso.

    Rispondi
  • Cerca di rimetterti Myriam, questa è la prima cosa… magari con la compagnia di un bel film o un buon libro :).

    Per quanto riguarda il resto beh… hai decisamente ragione. La rete ed il web hanno dato la possibilità a molte persone meritevoli di venir fuori, molti che tentavano la carriera giornalistica ma si trovavano innanzi a caste di redazione che manco un libro di Dan Brown basterebbe :D, eheh.

    Sono nate bellissime realtà come http://www.ilpost.it di Sofri e tanti altri… poi, però, ci sono anche esempi negativi. Non parlo di ragazzi che usano il proprio blog come fosse un diario personale (anzi, la trovo una bellissima abitudine). Parlo bensì di gente che pensa di saper scrivere e di essere anche esperto del settore (che sia moda o cinema o musica).

    Con Internet, il blog ed il social network è la brama dell’apparire e del “tutto e subito” purtroppo.

    Un bacio, spero di poterti tornare a leggere prima possibile 🙂

    Rispondi
  • Difatti ti trovo molto più ‘genuina’ se mi passi la parola decisamente fuori posto !
    Ma è bello vedere un pò di autenticità non messa in vitrina a tutti i costi…..

    Stammi bene !!!!!

    Rispondi
  • RAGAZZE SCUSATE SE NON RISPONDO A TUTTE SINGOLARMENTE! sono appena tornata a casa e non ne ho il tempo anche se mi piacerebbe molto…sono contenta che si sia creata questa piccola discussione perché mi fa capire meglio il vostro punto di vista (ed è bello vedere che chi mi segue la pensa come me su questo punto..insomma vuol dire che predico bene e razzolo altrettanto :D).
    ringrazio anche alcune delle ragazze ‘incriminate’ (si fa per dire!) per aver espresso il loro punto di vista, è importante.
    Saluto tutte voi e vi auguro una buona notte!!

    Rispondi
  • mi associo al tuo pensiero e a quello di molte altre ragazze che, a quanto pare, hanno la mia stessa visione del blog! Meno male va… Buona notte.

    Rispondi
  • Io non ho tempo per fare nulla e il blog è solo uno spazio privato per dire la mia nei ritagli di tempo proprio. Ci sono persone che fanno di tutto per avere seguito e diventare famose.
    Non cado nel tranello di seguire qualcuno per diventare un numero in più.

    Un bacione cara

    Rispondi
  • Ciao Myriam! E’ il primo commento che posto nel tuo blog, quindi colgo l’occasione per farti i miei complimenti, sono anch’io da pochissimo una blogger e ho tratto molta ispirazione dalla tua esperienza, trovo che i tuoi post siano sempre molto umili ma ad effetto…
    Mi inserisco nella discussione, concedimelo 😉 solo per dire che io trovo il mondo della moda molto affascinante (la mia tesi di laurea trattava un caso Armani…) ma pensare di “sfondare” con un fashion blog è molto difficile e penso che solo alcune ci riusciranno.
    Il punto è che non tutte abbiamo lo stesso obiettivo, alcune vogliono farsi notare (e ci riescono) altre vogliono semplicemente condividere il loro gusto, il loro stile e le proprie esperienze. Quindi secondo me va bene che si dia visibilità a chi la vuole, e che si lasci spazio anche a chi invece vuole solo comunicare e condividere. Io ricado in questa seconda categoria, e non ho la pretesa di dettare regole, penso sia lo stesso per la maggior parte delle blogger…
    Attendo di ammirare le tue nuove scarpe!!!! Un bacio

    Rispondi
  • In riferimento ad un passaggio del commento di Maria Elena posso solo dirti che io l’ho sempre saputo che tu avevi stoffa, ragazza mia!
    Lo vedi che anche le altre hanno notato il tuo bellissimo salto di qualità? Dai primi streetmemo ad oggi sei cambiata radicalmente in meglio, sei più raffinata, chic, con grande personalità!
    Io tifo per te eh?

    Rispondi
  • Ah Myriam aggiungo una cosa…se hai voglia fai un salto sul mio blog http://eli-a-porter.blogspot.com 😉
    L’ho iniziato solo un paio di giorni fa, quindi non è granchè, però mi farebbe molto piacere avere il parere di un’esperta! grazie!! un altro bacio!

    Rispondi
  • Ciao ancora, Come posso essere coinvolto con Italian Fashion Bloggers?x

    Rispondi
  • great edgy look!!!!! loving the silver rings!!!

    xoxo jenna
    http://thepetiteblog.blogspot.com/

    Rispondi
  • great look like always!! xxnicole

    Rispondi
  • molto belli gli anelli

    Rispondi
  • Ciao Myriam…sono anche io un po’ malaticcia e mi auguro che entrambe possiamo rimetterci presto. Per quanto riguarad il tuo pensiero è perfettamente in linea con il mio e infatti anche io mi sono messa da parte…mi fa piacere lo scambio di idee, ma mi sembra che tutto stia diventando un’affannosa ricerca….per quanto mi riguarda ho già un lavoro non nella moda e lo amo tantissimo. Il blog è per me giusto un hobby e un modo per coltivare una mia passione. e mi fermo qui. Baci!

    Rispondi
  • A proposito della discussione io segnalo solo un piccolo esempio che forse rende la (mia idea): per definirsi ovunque fashion BLOGGERS bisognerebbe essere almeno capaci di inserire un LINK CLICCABILE nei propri testi… Almeno gli strumenti base del mestiere 😀

    Forse tu mi capisci, visto che il tuo blog è pieno di fantastici link 😛

    Rispondi
  • riguardo al commento circa il fatto che a Roma molti non sappiano cosa sia una fashion blogger: molti non sanno nemmeno chi sia Mosè (che è ben più grave) o Galileo Galilei ma non per questo si creano dibattiti: insomma il mondo delle fashion blogger è conosciuto dalle stesse non per questo lo devono conoscere tutti!Poi per carità questo è il mio pensiero!

    Rispondi
  • bel blog e condivido in pieno l’ultima parte! da oggi ti seguo 🙂

    Rispondi
  • Great outfit!

    Rispondi
  • I LOVEEE YOUR RINGS !
    check my blog out at…
    http://www.GlistersAndBlisters.blogspot.com

    dont forget to enter my sex and the city film set tour giveaway !

    Rispondi
  • love it girl!
    you look gorgeous(:
    Yaary.

    Rispondi
  • @Blue: stavo giusto pensando la stessa cosa ieri…

    Rispondi

Write a comment