cosa vedere a monaco di baviera - schloss nymphenburg
travel

Cosa vedere a Monaco di Baviera (+ tanti consigli utili!)

Sì, viaggiare… E’ uno dei miei passatempi preferiti anche se, purtroppo, non posso farlo di frequente quanto vorrei. Ma una vacanza “mini” è pur sempre una vacanza e oggi voglio parlarvi dei miei quattro giorni a Monaco di Baviera.

Cosa vedere a Monaco di Baviera, ma non solo: oggi vi do un po’ di consigli su come muovervi, dove mangiare, cosa acquistare e altro ancora. Ecco che la sezione “viaggi” del blog (che scorre  lenta, lentissima) riparte, sperando che sia di vostro gradimento.

Cosa vedere a Monaco di Baviera

Monaco è stata la destinazione del mio mini-viaggio ad agosto. Non avevo un budget molto grande da spendere in viaggi quest’anno ma, allo stesso tempo, non volevo che l’estate passasse senza aver visitato un posto nuovo. Ho perciò deciso di partire per pochi giorni in stile low-cost (come viaggiare spendendo poco, ve ne ho parlato qui → click!).

Monaco di Baviera è una città piccola e graziosa, visitabile tranquillamente in poco tempo e con molta tranquillità. Ben collegata con i mezzi di trasporto, con una serie di servizi dedicati al turista davvero efficienti. Quasi tutti in città sanno parlare inglese e sono pronti a dare indicazioni e suggerimenti.

Alla fine del post vi darò anch’io un po’ di informazioni utili, nel frattempo ecco cosa vedere a Monaco di Baviera secondo me:

1. Marienplatz

cosa vedere a monaco di baviera - marienplatz

Marienplatz è la piazza principale di Monaco. E’ qui che si trovano il vecchio e il nuovo municipio, è da qui che partono le principali vie dello shopping ed è ancora qui che vi conviene far partire il vostro tour della città. La piazza è sovrastata da numerosi edifici dagli stili più diversi, circondata da chiese di varie dimensioni e stili, e appare anche piuttosto caotica nelle ore di punta. Il punto più bello dalla quale ammirarla è dall’alto del campanile del Neues Rathaus – nuovo municipio, luogo ideale per ammirare lo skyline della città e luogo dove ho scattato questa foto.

2. Viktualienmarkt

cosa vedere a monaco di baviera - viktualienmarkt

A sud di Marienplatz si apre un grande mercato di colori e sapori: è il Viktualienmarkt. Qui si trovano decine e decine di chioschetti che vendono principalmente generi alimentari. Troverete frutta e verdura a prezzi stratosferici, spezie e ingredienti esotici, ma anche chioschi in cui si vende birra, pesce fresco e gli immancabili wurstel. Il mercato è costellato di scenografiche fontane dove è possibile riempire le proprie bottiglie di acqua freschissima.

3. Residenz

cosa vedere a monaco di baviera - residenz

A nord di Marienplatz, nella zona delle boutique di lusso e del teatro, si erge la Residenz: è la reggia di Monaco dove risiedevano e governavano i principi bavaresi. Immensa e maestosa, presenta un numero impressionante di stanze aperte al pubblico ricche di ogni tipo di decoro e curiosità. Stanze create per dilettare i sovrani e per accontentarli delle più bizzarre richieste. Grazie all’audioguida inclusa nel prezzo della visita, potrete scoprire la storia di questo luogo e, credetemi, alcune di queste storie vi resteranno piacevolmente impresse.

4. Hofbrauhaus

monaco-di-baviera-4

Poco lontano dalla Residenz, un reticolo di viuzze pedonali vi porterà direttamente all’Hofbrauhaus, letteralmente “la casa della birra di corte” ovvero la birra tradizionale bavarese caratterizzata dal logo HB. L’Hofbrauhaus è, infatti, il luogo dove originariamente veniva prodotta la birra Hofbrau. Una volta entrati in questo luogo, verrete letteralmente invasi dallo spirito folkloristico bavarese: fiumi di persone intente a bere da grossi boccali di birra, musiche tradizionali suonate dal vivo da complessi folk, immense tavolate imbandite con i piatti tipici del posto.

L’Hofbrauhaus è, infatti, anche una taverna dov’è possibile mangiare alcuni dei piatti rappresentativi della Baviera. Immenso, con le sue sale interne riccamente decorate e il suo Biergarten all’aperto circondato da alberi secolari sotto i quali è possibile sedersi, l’Hofbrauhaus è una tappa da non perdere per niente al mondo.

5. Schloss Nymphenburg

monaco-di-baviera-2

Il castello di Nymphenburg è uno dei fiori all’occhiello della corona Bavarese. Concepito come palazzo d’estate, si trova fuori dal centro ma è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Una reggia enorme che, purtroppo, è possibile visitare solo in parte, alla quale si accede passeggiando lungo un canale artificiale creato apposta per la residenza (che potete vedere nella foto in cima al post). Sul retro, si estende un enorme giardino dove i locals vanno a passeggio, corrono in bici, portano i loro bimbi a giocare.

6. Campo di concentramento di Dachau

cosa vedere a monaco di baviera - dachau

Visitare Monaco significa anche alimentare la nostra coscienza storica con una visita tristissima ma, lasciatemelo dire, una tappa davvero obbligata. Il campo di concentramento più grande e importante della Germania, nel quale venivano – tra le altre cose – istruiti i membri delle SS da mandare nei campi fatti costruire in tutta Europa, si trova proprio a Dachau, una cittadina vicino Monaco molto facile da raggiungere. La visita al campo è gratuita e permette di entrare nella storia grazie ad audioguide molto esplicative. Vi consiglio di non andare con bambini o persone facilmente impressionabili: ascoltare ciò che è accaduto in questo luogo, vederlo palesare davanti agli occhi, è un’esperienza commovente che stringe lo stomaco e fa venire le lacrime agli occhi.

Tutto ciò che si vede a Dachau fu distrutto una volta scoperto dopo la Seconda Guerra Mondiale. E’ stato in seguito ricostruito per far restare quell’orrore nella memoria, con la speranza che mai nella storia si ripeta.

7. Olympiapark e BMW Museum

cosa vedere a monaco di baviera - bmw museum

Se avete con voi uomini appassionati di automobili, non potete perdere un giro al BMW Museum, il museo dell’automobile BMW. Il museo si trova all’interno dell’Olympiapark, un’area verde costruita per le olimpiadi del 1972 e sovrastata dalla Olympiaturm, la torre altissima simbolo della Monaco di Baviera moderna. Il BMW Museum vi guiderà alla scoperta delle prime automobili fino ad arrivare alle ultimissime tecnologie in tema automotive. Io mi sono innamorata della BMW Isetta, un’automobile “da donna” concepita proprio per la donna indipendente…degli anni ’50! Una vera chicca che incuriosisce e sorprende chiunque la osservi da vicino.

Purtroppo nella mia piccola visita alla città non ho potuto visitare l’Englischer Garten, il giardino inglese dove i locals passano le loro giornate di svago e i surfisti cavalcano le onde artificiali del Surfwelle. Insomma, cercate di non perdervelo almeno voi. Programmate qualche ora del giorno per visitarlo e fatemi sapere com’è!

Monaco di Baviera: consigli utili

Come arrivare:

Monaco è facilmente raggiungibile grazie al suo aeroporto internazionale, collegato alla città grazie alla metropolitana che è possibile prendere direttamente da lì. All’interno dell’aeroporto troverete anche un centro commerciale con moltissimi negozi di vario genere. Io sono partita con EasyJet che effettua voli da Roma Fiumicino.

Come muoversi:

Per girare all’interno della città, vi consiglio di acquistare sin dall’aeroporto la CityTourCard, una card che vi permette di muovervi con i mezzi pubblici e di avere sconti in alcuni luoghi di interesse. Esiste la card “single” oppure “group” che prevede gruppi da 2 a 5 persone ed è quindi molto conveniente! Comprate la “group” se intendete girare sempre insieme ai vostri compagni di viaggio e risparmierete un bel po’. Ricordate: due bambini dai 6 ai 14 anni contano come un adulto. Più info qui → click!

A Monaco troverete vari mezzi pubblici: gli autobus, la U-Bahn (ovvero la metropolitana) e la S-Bahn (linea dei treni locali), per i quali potrete utilizzare la CityTourCard.

Dove dormire:

Monaco è una città piuttosto piccola, quindi ogni posto è buono poiché facilmente raggiungibile. Io ho soggiornato nel quartiere Moosach, in cui si trovano S-Bahn e U-Bahn, più lo stazionamento degli autobus che portano sia a Dachau che allo Schloss Nymphenburg. Il quartiere è anche pieno di ristorantini tipici e bar dove fare colazione. Insomma, un posto davvero strategico! L’hotel che ho scelto per il mio soggiorno è il LetoMotel Munchen, economico ma super grazioso. Più info qui → click!

Cosa mangiare:

Vi confesso che non sono una gran mangiona: non mi piacciono i cibi grassi e pesanti, quindi non ho avuto un buon rapporto con la cucina bavarese, i cui protagonisti sono carne di maiale, wurstel, crauti e patate. Vi consiglio comunque di cercare i Biergarten della città, soprattutto quelli frequentati dai locals. Io li ho cercati con l’applicazione di TripAdvisor e mi sono trovata piuttosto bene. Non perdetevi i Pretzel per niente al mondo, da mangiare a tavola al posto del pane oppure come stuzzichino accanto alla birra.

Shopping:

La Germania non è esattamente un paese fashion, quindi non illudetevi di trovare grandi brand ai quali attingere per rinnovare il guardaroba. Per gli amanti del bio in tema beauty, sappiate che in Germania esistono moltissimi marchi davvero ottimi che potrete trovare a prezzi competitivi anche nei normali supermercati, così come i marchi di make-up low cost Essence e Catrice che sono anch’essi tedeschi. Se vi piace il folklore, potreste amare i completi tipici bavaresi che i locals indossano durante l’Oktoberfest (ma non solo! Spesso li trovate vestiti così anche in giro la sera), sappiate però che quelli più belli costano quanto un abito firmato di boutique.

Cosa non vedere:

Il motivo per cui mi sono persa il giardino inglese è la torre dell’orologio in Marienplatz. Ovunque si decantava il magnifico carosello che andava in scena solo in alcuni orari stabiliti e quindi ho fatto in modo di essere lì la mattina del mio ritorno in Italia. Beh, posso dirvi che non c’è niente di particolarmente magnifico: c’è da aspettare in piazza con lo sguardo all’insù per diverso tempo prima di vedere alcuni figurini medievali muoversi in tondo al suono di un carillon. Certo, passare lì per caso e osservare può essere piacevole, ma se programmate una mattinata solo per vederlo posso assicurarvi che non ne vale la pena.

Se avete un giorno in più:

Sfruttate un giorno in più magari per programmare un tour a Neuschwanstein, il castello bavarese che ha ispirato addirittura il castello incantato della Disney. Questo gioiellino si trova a Fussen, a circa due ore di viaggio da Monaco, e mi rammarico molto di non aver avuto un giorno in più per organizzare questa gita.

Ecco terminata la mia guida alla scoperta di Monaco. Spero che possa esservi utile per visitare questa città, nel caso abbiate programmato un viaggio in Baviera. Auf Wiedersehen!

28 Comments

  • grazie per i tuoi consigli dettagliati, post così sono veramente utili. 🙂 A smile please

    Rispondi
  • Guida fantastica e consigli preziosi! Ne faremo tesoro!

    S/ & M_
    https://myhipsteria.wordpress.com/

    Rispondi
  • Wow,hai dato davvero delle tappe interessanti,non solo quelle banali e scontate!
    Un post davvero bellissimo!
    P.S.Nuovo post da me,se ti va passa,ti aspetto!
    Baci baci C.
    http://fashionismyonlygod.blogspot.it/2015/11/benvenuto-inverno.html

    Rispondi
  • Ottimi consigli e grazie per la dritta dell'”orologio”.

    Rispondi
  • wow! non sono mai stata ma mi hai incuriosito parecchio!

    Rispondi
  • Sono stata a Monaco due volte, lo adoro, ottimi consigli!
    Alessandra

    Rispondi
  • non ci sono mai stata ma spero di andarci presto, in quel caso seguirò i tuoi consigli!

    Rispondi
  • Allora, questo blog post capita veramente nel momento giusto, perchè fra un mese vado qualche giorno proprio a Monaco di baviera! Ora prendo appunti!
    (grazie!!!)

    Cristina
    The Style Avenger

    Rispondi
  • una città super affascinante!

    Rispondi
  • Mi piacerebbe molto vedere Monaco di Baviera. Me ne hanno parlato benissimo

    Carmen
    Il tocco glam

    Rispondi
  • Ciao cara 😀 che bellissimi post che hai avuto modo di vedere 😀 amoooo

    http://WWW.ELISABETTABERTOLINI.COM

    Rispondi
  • Non ci sono mai andata a Monaco, deve essere bellissima, molto belle le foto!
    Alessia
    THECHILICOOL

    Rispondi
  • Monaco è una città in cui ritorno sempre molto volentieri con i miei tours e anche io consiglio la visita al castello di Neuschwanstein, vi piacerà!!

    Barbara

    Rispondi
  • Consigli molto preziosi, sono andata a Monaco in gita ma ci tornerei molto volentieri! 😀

    Rispondi
  • mamma mia quante cose belle!
    mi hai messo molta voglia *_*
    xoxo

    Rispondi
  • Quanti bei consigli! Sai che non sono mai stata a Monaco? Ne terrò presente per un futuro viaggio
    http://www.travelfashiontips.com

    Rispondi
  • Grazie per lo splendido giro a Monaco e grazie per tutti i consigli! Sembra davvero una città interessante dal tuo racconto!
    Veronica!

    Rispondi
  • dalle foto che ha postato sembra favolosa questa città.

    Rispondi
  • Grazie per i consigli, che terrò a mente qualora andassi a Monaco di Baviera 😀

    KALEIDOSCOPIC MIRROR

    Rispondi
  • ottimi consigli!

    Rispondi
  • Wow! Lo segno tra i post utili. Pronto per essere tirato fuori quando organizzeremo un viaggio a Monaco di baviera.

    Rispondi
  • Queste guide turistiche per il mondo io le aggiungo sempre tra i preferiti…è fatta benissimo e mi ha fatto venir voglia di partire!!!

    Rispondi
  • ok ho deciso!devo partire anch’io!:)

    Rispondi
  • Quanti favolosi consigli!
    Spero di tornare presto a Monaco

    Ti aspetto nel mio blog
    Un bacio
    Alessia
    http://www.styleshouts.com

    Rispondi
  • Cara Miriam, sono Arianna da Settembre vivo a Monaco di Baviera. Una Milanese trasferita a Monaco per opportunità’ professionali. Il tuo articolo e’ scritto bene, sintetico e chiaro e da consigli utili. Cogli l’essenza di quattro giorni , davvero un peccato tu non abbia potuto visitare il Giardino Inglese. Mi permetto però di fare alcune precisazioni importanti. Monaco , non è la Germania alla quale noi tutti siamo abituati a pensare . È’ la Capitale della Bavaria e per prossimità al nostro paese e solarità’ dei bavaresi è chiamata la città più a nord d’Italia. È’ una città molto ricca e cara con ritmi di crescita a due cifre. Monaco non è affatto piccola, 1,5 milioni di abitanti più di Milano. Il centro sembra raccolto ma anche quello di Milano lo e’ . Monaco in fatto di stile ed eleganza e shopping non ha nulla da invidiare a Milano credimi. Si possono trovare tutti i brand più importanti al mondo oltre che italiani , francesi , inglesi. Solo alcuni esempi Lodenfrey-Hoberpollinger-Hirmer-Funf Hope oltre alla nota Maximilianstrasse Montenapoleone 2. Credimi lo dice una Milanese. Monaco sta diventando una meta di shopping internazionale togliendo punti ahimè a Milano ma anche a Londra. Da maggio a ottobre viene invasa da arabi extra benestanti che affittano interi piani di alberghi e si danno alla shopping mania oltre a ricorrere alla cure sanitarie. Perché ? Perché è’ una città sicura e a misura d’uomo dal clima estivo perfetto lontano dalla calura sahariana. Perdona la precisazione, ma in 4 giorni e’ naturale non si possano cogliere certi aspetti. Ti /vi invito a ritornarci in Primavera estate per goderti l’esperienza dei famosi Beer Garden e perché no shopping interessante in periodo saldi , oltre a tutti gli innumerevoli Musei di cui la città pullula. Imperdibile il Museo del Giocattolo a pochi passi da Marienplatz. Credimi ci sono occasioni che non ti aspetti 🙂

    Rispondi
    • Ciao Arianna, grazie per la tua testimonianza!! Mi ha fatto piacere leggere il tuo commento perché mostra Monaco vissuta da una straniera e ciò la rende ancora più interessante. Una piccola precisazione anch’io: quando parlo di shopping poco proficuo mi riferisco ai brand esclusivamente tedeschi, dato che quelli internazionali sono facili da trovare un po’ dappertutto, mentre a me piace molto scoprire piccole realtà locali o anche grandi marchi esteri però sconosciuti in Italia…purtroppo nel mio breve soggiorno a Monaco non ho trovato marchi tedeschi degni di nota anche se ho visitato l’area dello shopping di lusso che citi e ho anche notato la presenza dei ricconi arabi hehe. Peccato non aver saputo del museo del giocattolo, sarebbe stato tornare bambini in un attimo!!

      Rispondi
      • Ciao Miriam,
        In realtà’ brand tedeschi locali ci sono, certo i Tedeschi non hanno nel loro DNA come noi la parola moda, eleganza ma sto scoprendo realtà’ molto interessanti. C’è un libro Munich for Only Women .. Che mi aiuta a scoprire come citi tu realtà locali non di massa e lusso troppo facile. Ora ti confesso a Milano sono una Personal shopper http://www.shoppinginmilano.com ora sto lavorando su un blog ad ampio raggio proprio su Munich ..ma non posso svelarti nulla ancora. Se passi ancor per Muenchen fammelo sapere 😀😀😀

        Rispondi
        • Lo farò senz’altro, grazie! In bocca al lupo per il tuo progetto 😉

          Rispondi

Write a comment