travel

My holiday in Tuscia: day 2

Il secondo giorno di vacanza è stato bello pieno (da bravi cittadini metropolitani io e monsieur sappiamo come riempire le giornate fino a farle scoppiare!).
Dopo la colazione in agriturismo abbiamo raggiunto Civita di Bagnoregio, una cittadina medievale arroccata e raggiungibile solo a piedi attraverso un lungo ponte. Viene chiamata anche “la città che muore” perché negli anni la parte laterale della collina di tufo è caduta lasciando sempre meno abitazioni sulla sua sommità. La cosa che mi ha sorpreso di più è stata l’invasione di pittrici giapponesi che sedute sul ciglio delle stradine immortalavano i pittoreschi scorci sospesi nel tempo della città.
Our second day was very full (like good metropolitan citizens I and monsieur know well how to fill our days!).
After a breakfast at the farm we went to Civita di Bagnoregio, a medieval village you can only reach by foot through a long bridge. It’s also called “the city that’s dying” because over the years the hill sides have fallen leaving only a few buildings on its top. I was surprised by the crowd of japanese painters who immortalized its foreshortenings.
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic
Tornati alla base, ci siamo rilassati un paio d’ore in piscina (vi risparmierò la mia prova costume ma sappiate che ho comprato un costume adorabile per l’occasione – questo qui – e mi sta anche bene, sono soddisfatta!) per poi ripartire alla volta di Bomarzo e del suo Parco dei Mostri.
Quanto mi sono divertita!! Il Parco è una bizzarria rinascimentale che Vicino Orsini, signore di Bomarzo, si fece costruire per distrarsi dopo la morte della moglie. Passeggiando nel bosco si incontrano figure bizzarre e mitologiche, riproduzioni di antiche rovine, templi, persino una casetta pendente (entrarvi dentro è un’esperienza divertentissima, si perde l’equilibrio e la testa gira!). Il biglietto d’ingresso è un po’ costoso ma vale assolutamente la pena visitare questo luogo.
Once come back at the farm we spent a few hours in the swimming pool (I won’t share pics of me but I bought a cute bikini that I wore there – here it is)  then we visited Bomarzo and its Monsters Park.
I really enjoyed it!! The park belongs to the Renaissance and it was built thanks to Vicino Orsini who wanted something to take his mind off after his wife’s death. Walking in the wood you will find strange and mythological figures, duplications of ancient ruins, temples, even a leaning house (when you enter there you’ll lose your balance and it will make your head spin!).
Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic
Abbiamo trascorso la serata poi a Viterbo, almeno prima di essere travolti da un temporale che ci ha fatti fuggire via inzuppati. Abbiamo cenato in una steak house consigliataci dai gestori dell’agriturismo, la Locanda Teverina, davvero buonissima.
Then we spent our evening in Viterbo but a storm overcame us  and we dined in a really good steak house, its name is Locanda Teverina.
Image and video hosting by TinyPic

16 Comments

  • nooo abbiamo fatto lo stesso post. un vecchio mio post uguale a settembre 2010 (che bei posti, vero???) anche io mi son fatta fare la classica foto nella bocca dell’orco. Soprattutto il parco dei mostro è magico, con tutte quelle scritte meravigliose ed evocative.. fa venir quasi i brividi a pensarci e pensa quando sotto le guerre il posto si è perso e la gente intravedeva tra gli alberi solo delle forme inquietanti!!

    Rispondi
  • Belle belle foto! Conosco bene quei posti e sono davvero incantevoli,meritevoli sono anche il lago e la cittadina di Bolsena!

    Rispondi
  • you must have had a wonderfull time!so many things to see and do!great photos 🙂 loved your bag dear!

    Rispondi
  • tesoro! Che luoghi incantevoli!!! Mi ci vorrebbe anche a me una bella vacanzina con l’ometto!
    Alla fine all’evento ho messo le zeppe… lo so, poco chic, ma… alla fine ho odiato ogni forma di tacco!

    Rispondi
  • Che meraviglia, sembra un posto delle fiabe, stupendo vederlo da lontano, ma “dentro” è ancora meglio! 😮
    Noesse

    Rispondi
  • bellissime queste fot..adoro la toscana:)
    kiss

    Patchwork à Porter

    Rispondi
  • wow quante cose interessanti che avete visitato! Il costume nuovo sembra proprio caruccio <3

    Rispondi
  • Great photos. Glad you enjoy the trip.

    Rispondi
  • che posto meraviglioso, avrei davvero bisogno anch’io di qualche giorno di vacanza ;D

    Rispondi
  • Mi piacciono sempre molto questi tuoi post. Si scoprono posti molto carini!

    Rispondi
  • quella cittadina medievale sembra qualcosa di magico! che meraviglia…adesso mi hai fatto venir voglia di farmi un giretto da quelle parti, sembrano dei posti davvero stupendi 🙂

    Rispondi
  • Ma tu guarda dove stavi….io ho la casa delle vacanze là nei pressi di civita!!!!
    xx
    http://dontcallmefashionblogger.blogspot.com

    Rispondi
  • che foto splendide! sono andata subito a vedere il sito del parco..peccato è un po’ fuori mano ma lo aggiungo alla lista dei prossimi tour per il nostro bel paese.
    baci

    Rispondi
  • @Vale F: ma dai 😀 non lo ricordavo, sono andata a rileggerlo e mi sono divertita a guardare le tue belle foto!
    anch’io ho pensato al momento dopo la guerra, dev’essere stato magico ritrovarsi davanti quei “mostri” nascosti nella natura

    @federica: peccato non aver avuto il tempo per andare anche lì 🙁

    @Francesca R: ma che bello!! piacerebbe tanto anche a me avere una casetta da quelle parti sai?
    @Alexis: e invece ho dato un’occhiata al tuo post e ti ho trovata bellissima e misurata. la migliore a mio parere.

    @Milla: sono contenta di averti dato un’idea allora!

    Rispondi
  • What a magical place to vacation!

    Rispondi
  • bel post, mi piace leggere di posti da poter visitare qua in italia!!

    Rispondi

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.