trends

Cambio di stagione: come fare decluttering e organizzare finalmente l’armadio

Ieri ho fatto il cambio di stagione.

Sono reduce da una battaglia estenuante, fatta di stangate inferte da abiti mai messi ancora col cartellino, colpi bassi di vestiti che non mi vanno più, imboscate di acquisti che credevo indispensabili e che invece si sono rivelati un fallimento.

Ma sono sopravvissuta!

Come ogni volta in questo periodo, faccio il punto della situazione e scopro che sono ancora lontana dallo shopping 100% intelligente. Allo stesso tempo, gli anni passano anche per i vestiti e mi ritrovo a dover dire addio a fedeli alleati che ormai hanno fatto il loro tempo.

Ecco perché anche stavolta mi sono armata di santa pazienza e ho sfoderato l’arma segreta del DECLUTTERING, detto anche “come fare pace col proprio armadio” o almeno provarci.

Se non sapete cos’è ve lo dico io.

Cambio di stagione: il decluttering come stile di vita

“Declutter” è una parola inglese non facilmente traducibile. In modo semplice, significa mettere in ordine eliminando qualcosa. Non semplicemente riordinare, quindi, ma fare spazio e riorganizzare togliendo quello che non serve più.

La pratica del decluttering può aiutarci a ottimizzare il nostro armadio saturo di vestiti. Sì, proprio quell’antro buio che ci fa esclamare ogni volta: “Non ho nulla da mettere!”. E in fondo è vero, perché in quel marasma di roba sembra quasi impossibile trovare qualcosa che risollevi le sorti del nostro look.

Ma come fare?

E’ importante abbandonare i sentimentalismi e muoversi con rigida razionalità.

– Questo vestito non mi va più (e probabilmente se un giorno mi andrà non sarà più di moda): Eliminato!

– Questo vestito è rovinato/usurato/vecchio: Eliminato!

– Questo vestito non mi rappresenta/non mi fa sentire a mio agio: Eliminato!

– Questo vestito mi piace ma non l’ho messo negli ultimi due anni: Eliminato!

In questo modo ci libereremo di tutti quei capi che non ci fanno stare bene quando li indossiamo e che fanno soltanto volume nel guardaroba nascondendo le potenzialità degli altri abiti. Non dobbiamo per forza buttare. Possiamo dare via le cose in buono stato a persone bisognose, così faremo anche una buona azione.

Organizzare l’armadio

Ora che finalmente abbiamo fatto decluttering, non resta che organizzare l’armadio.

Visualizzate lo spazio a vostra disposizione e suddividete gli abiti nel modo in cui può restarvi più utile. Ecco alcune idee, anche combinabili tra loro:

– Dividere per tipologia, è questo il sistema più semplice e quello a mio avviso indispensabile;

– Dividere per colore, sia impilando gli abiti per gradazione sia appendendoli con le grucce;

– Dividere per materiale (lana, cotone ecc.) in modo da ottimizzare anche in base al clima che incontreremo;

– Dividere per occasione, tenendo separati abiti da lavoro, da uscite serali, da palestra e così via.

Infine lo shopping intelligente

Una volta organizzato l’armadio – che ormai contiene solo quello che ci piace e che usiamo – sarà anche più facile scoprire quali sono le sue lacune… da riempire con del sano shopping!

Fatevi una lista, mentale ma anche scritta nero su bianco, dei capi di cui avete davvero bisogno per far funzionare il guardaroba al meglio e acquistateli senza lasciarvi tentare dall’ennesimo pezzo che probabilmente farete fuori durante la prossima sessione di decluttering.

Il vostro portafogli vi ringrazierà e anche il vostro armadio farà lo stesso.

ph. source Pinterest

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.