trends

Luisa Via Roma: don’t try it at home!

Quest’anno Luisa Via Roma si è superata: il tema del suo party “esclusivo” (a cui può essere invitato chiunque uhmmm…) era il grunge-glam ma il risultato è stato  c a t a s t r o f e.

Centinaia di wannabe fescionbloggher si sono presentate al cospetto del fotografo ufficiale per farsi immortalare in outfits ai limiti della sanità mentale (li trovate tutti nella gallery qui) da cui possiamo prendere spunto per come non vestirci mai nella vita:
– hai un appuntamento galante? NON vestirti così
– un vernissage? NON vestirti così
– la sagra della porchetta? NON vestirti così
– la reunion dei punkabbestia del liceo? forse…mmmm no, NON vestirti così

Immagino che continuare la lista serva a poco, vi lascio qualche immagine che vale più di mille parole.
Fatemi sapere che ne pensate!

Some days ago there was the “exclusive” party at Luisa Via Roma here in Florence: the theme was grunge-glam but the result was a  d i s a s t e r.
Take a look at the official pics and let me know what you think about!

58 Comments

  • Ma nn si vergognano ad andare in giro in questo stato? Questo è grunge??? Bah…

    Rispondi
    • esatto, io mi vergognerei!

      Rispondi
    • … l’ambasciatrice del buon gusto, fai di quelle cagate!

      Silvia

      Rispondi
  • Questo è il motivo per qui non ho partecipato .. ci penso già da sola a mettermi in ridicolo (sono una collezionista di figuracce :P) senza che mi vesta da *megliochenondicaniente* 😉

    http://fashionmilkshake07.blogspot.it/

    Rispondi
  • Bè, alcuni look a me non dispiacciono a dir la verità..! Nella prima foto salvo le prime tre ragazze da sinistra ad esempio. Altre sono proprio inguardabili!

    Rispondi
    • hai ragione! Se guardi i look singolarmente qualcosa di buono si trova, ci sono capi e outfit che molte blogger usano tutti i giorni, mi sembra che il tuo disprezzo, Modemoiselle, sia come sempre eccessivo….

      Giovy

      Rispondi
    • ciao giovy, “disprezzo” mi sembra una parola un po’ forte. sinceramente questi look non rientrano nella mia concezione di stile, né tantomeno di moda. mi stupisce che siano presentati con così tanta presunzione a un evento che a sua volta ha la presunzione di essere di moda…

      Rispondi
  • Splendidi, sono tutti nostrani?
    (domanda implicita: chi sono?)

    http://giulesss.blogspot.com

    Rispondi
    • ne ho riconosciute un paio in tutta la gallery…non ho proprio idea di chi siano tutti gli altri! credo tutti italiani però, almeno la maggior parte (almeno a giudicare dai tag e dai commenti su facebook)

      Rispondi
  • Secondo me è anche il tema che mette in difficoltà, soprattutto se non si ha bene in testa che cosa sia il grunge che per questo può tirare fuori i peggiori look del mondo!

    http://lovedlens.blogspot.it
    M.

    Rispondi
  • Ommioddio. Non ho davvero parole.

    Rispondi
  • ciao alcuni looks sono davvero di cattivo gusto…ma sinceramente in pochi di questi ho visto il mood “grunge glam”
    xoxo
    vendy

    Rispondi
    • concordo!

      Rispondi
    • proponi tu un outfit con questo tema sempre meglio del solito “myriam e la città” riproposto in tutte le salse, scusa ma non se ne può più….tu critichi, critichi ma non sei mica pazzesca in fatto di moda, temi, proposte, originalità ….sei noiosa ù.ù

      Rispondi
    • caro “anonimo”, myriam e la città è un editorial composto da look diversi, se non te le fossi accorto!
      per quanto riguarda il mio stile, se essere “pazzesca in fatto di moda” significa seguire alla lettera ogni singola tendenza allora passo serenamente. preferisco adattare ciò che mi piace al mio stile personale che, sarà pure noioso, ma lo trovo coerente e a me basta! non pretendo che tu mi segua se ti annoi, quindi bye bye senza rancore 😉

      Rispondi
    • *ne

      Rispondi
  • Sono d’accordo con Monica, se non si sa bene cosa sia il grunge si rischia di diventare ridicoli…alcune purtroppo lo hanno fatto…le ragazze della prima foto sono abbastanza in tema( parliamo comunque di fashion blogger abbastanza accreditate… altre foto cioè anche no! Bacio tesoro!

    Rispondi
    • d’accordissimo con te! a me è piaciuta l’idea di rossella ma direi che si è un po’ “persa” nei dettagli (sono sempre del partito less-is-more)…tutto il resto è osceno

      Rispondi
  • Felice di non essere tra la tua selezione XD spero che il mio look abbia ricevuto l’ok! ahah (si c’ero anch’io al party) Comunque verissimo, tante tante tante non hanno capito il tema grunge ma l’hanno confuso col dark o col punk!
    Io di mio ho cercato di rendere “glam” il look optando per una gonna di chiffon nera sopra i pantaloncini (si, la gonna aderente che c’era non fa grunge, bisogna essere comodi! quindi l’ho letteralmente tagliata via) e soppiantato le mie creepers con dei tacconi (tacco largo e mega plateau sempre per stare comode) frange, pelle (anche per la borsa ho rispettato l’idea del comodo quindi niente clutch ma zainetto!) e aztec print poi ovvio, il mio amato Borsalino!
    Mega-commento per spiegare il mio look….mi dai l’ok vero??? XD

    Love&Studs
    Love&Studs on FACEBOOK

    Rispondi
  • Trovo un po’ ridicoli i commenti di chi apprezza i look della prima foto solo perché si tratta di blogger “accreditate”. In ogni caso se si tratta di una serata con un determinato dress code ognuno lo interpreta a suo modo, proprio perché la moda non dovrebbe essere omologazione. Solo che tutti urlano slogan di questo tipo e poi si trovano a distribuire random critiche del genere. Dalle foto allegate al post emerge che tutti a modo loro hanno rispettato il dress code e credo che questi/e blogger in primis sappiano che non è così che ci si veste per un appuntamento o simili. Ripeto se c’è un DRESS CODE va rispettato, se poi vogliamo in ogni caso partecipare ad un evento e vestirci come cavolo ci pare è un altro discorso.

    Rispondi
    • ciao anonimo (ti firmi la prossima volta? è più carino!) secondo me invece il dress code non è stato rispettato, come scrive lanciacoriandoli molti l’hanno confuso con il punk o il dark…e in tutta sincerità non vedo glam da nessuna parte (salvo rare eccezioni). poi ovviamente ognuno è libero di pensarla come gli pare, queste sono mie opinioni e miei gusti personali 😉

      Rispondi
  • una wannabe fashion blogger che dà della wannabe fashion blogger alle altre….questa è l’apoteosi ♥

    Rispondi
    • se ti riferisci a me, posso assicurarti che non faccio la “wannabe” né ora né mai. se seguissi il mio blog lo sapresti…invece mi sa che sei una delle blogger di luisaviaroma “travestita” da anonimo 😉

      Rispondi
    • ah certo perché quelle di LVR stavano ansiosamente aspettando la tua recensione per vedere se ne parlassi male.
      L’importante è crederci…va beh ciao core!

      Rispondi
    • ma io non ho recensito nulla per luisa via roma, ho scritto un post per i miei lettori!

      Rispondi
    • :'( giuro mi intenerisci quando dai queste risposte che evidenziano che tu non abbia capito nulla di quanto facilmente intuibile.
      Recensione = chiunque parla di noi ufficialmente o solo per curiosità. Dovevo scrivere “critica, giudizio, commento” per farti capire?

      Rispondi
    • La cosa più bella in una conversazione è il sapere con chi si sta conversando, in questo modo si fanno esperienze ma soprattutto si può avere stima ed apprezzare l’altro interlocutore… in questo caso ahimè è come se stessi parlando da sola Myriam, l’anonimo è sempre anonimo come le chiamate sul cellulare ovvero “sconosciute”…

      Rispondi
    • mi riferivo al fatto che non ho recensito PER luisa via roma (l’italiano che non è un opinione…)

      Rispondi
    • infatti l’italiano non è UN’OPINIONE!!!!!

      Rispondi
  • ho riso come non mai!!!!

    Grazie!!!

    Valentina

    Rispondi
  • ho riso come non mai, grazie!!!
    Quanto hai ragione…. “wannabe… non si sa cosa” in molti di quei casi. E cmq sottolineo che “la convinzione fotte la gente”.

    Ti abbraccio!

    Vale

    Rispondi
  • grazie dell invito ma la gallery proprio no! mi bastano quelle che hai pubblicato di foto! 😀

    kisss

    Rispondi
  • Ti ringrazio per aver messo la foto in cui mi trovo per prima ahahahah …comunque è vero pochi hanno capito il tema, però secondo me non è tutto da criticare alcuni look mi sono piaciuti molto!
    Giulia

    New post: http://giuliagalettibeer.wordpress.com/2013/06/25/pitti-84-hamaki-ho/

    Rispondi
    • mi fa piacere che tu la prenda con filosofia! ero indecisa se pubblicare la prima foto perché c’è una blogger di cui ho apprezzato molto l’idea…ma volontariamente ho evitato di dare giudizi sui singoli outfits perché non mi sembrava il caso (tra l’altro proprio non mi compete!). se può “consolare” un po’ tutti, anche al met ball di quest’anno sono piovute critiche perché gli illustri ospiti (tutti vestiti dai loro stylist eh..) non hanno centrato il dress code 😉

      Rispondi
  • No , facciamo finta di non aver visto !!! Ci ha deluse persino Mariagiovanna di “My Glamour Attitude” , che seguiamo con piacere !!! :/ O, o o un colpo al cuore nel vedere queste foto!
    Passa a trovarci : http://www.saramustone.wordpress.com “The Water Lilies F&L B. ” .

    Rispondi
    • beh capita a tutte di sbagliare look ogni tanto!

      Rispondi
  • diciamo che il look era difficile da interpretare..
    baci

    Rispondi
  • Questo commento è stato eliminato dall’autore.

    Rispondi
  • io penso che oramai stiamo scadendo nel trash piu totale.
    nessuna di queste persone mi pare particolarmente o spiccatamente ben vestito, in realtà sembrano oramai tutti uguali coloro che ”da soli” si autonominano fashionisti.

    il problema è che nel tentativo di apparire ” diversi” non dosano quello che mettono e il risultato è giustamente catastrofico, sono poche le persone che possono dire di avere un innato senso della moda perché alla fine ” la classe non è acqua” e… si vede! 🙂

    http://pleatandrepeat.tumblr.com 🙂

    Rispondi
  • mi dispiace, non ce l’ho fatta a sbirciare anche la gallery 😀

    Rispondi
  • Io direi che il tema era controverso e anche un po’ un controsenso (già implicito nel nome).
    Le poche conoscenze storiche-sociali-modaiole dell’ambiente grunge (di tutti) unite alla evidente mancanza di gusto (di molti) ha dato vita a look ai limiti del circo.
    Non tanto perché fossero fuori tema – alcuni hanno avuto anche idee interessanti e hanno offerto spunti -, ma perché obiettivamente denotano di essersi conciati come capitava perché si sentivano ‘legittimati’ in un qualche modo dalla difficoltà e astrusità del tema.
    Poi per dire: preferisco chi si è s-vestito ai limiti della decenza rispetto a chi ha associato a grunge l’ennesima pioggia di borchie e jeans ripped.
    Ma lì, ripeto, è mancanza di conoscenze, non altro…è come se il tema fosse stato “rebel rock” e si fossero presentati tutti col giubbotto di pelle nera: che originalità!

    Detto ciò, trovo che qualcuno e più d’uno forse perfettamente in tema e anche ben vestito!
    Cominciassero a scegliere temi meno complicati cavolicchi! Io non sono andata anche per questo!

    Greta ♡ In Moda Veritas

    Rispondi
  • Meno male che il party era esclusivo…..

    Rispondi
  • bisogna ammettere che il tema era abbastanza difficile, ma piuttosto che vagare per firenze conciata così avrei preferito non aderire al dress code…

    Rispondi
  • Devo ammetterlo: ho avuto paura di trovare la mia foto in questo post 😀 haha

    In realtà posso dirti che a causa del buoi pesto che ha caratterizzato la festa, non penso di aver notato particolarmente nessuno degli outfit dei partecipanti. Anzi, vedendo le foto mi sono anche chiesta dove fosse tutta la gente che conoscevo e che non ho incontrato – oppure riconosciuto per via del buono! – durante la serata!

    Giulia

    Rispondi
  • Mamma. Alcune esagerate da paura.. Tipo quella ragazza con quella specie di vestito svolazzante a quadrettini bianchi e neri.
    E pensare che a me lo stile grunge piace e non poco..

    Rispondi
  • Ma era una carnevalata?

    Rispondi
  • Io non ho potuto partecipare per motivi di lavoro, sarei stata curiosa di vedere il tutto dal vivo. Baci Lucy http://www.tpinkcarpet.com

    Rispondi
  • alcuni discutibili, alcuni non malaccissimo
    una bella insalata
    ma il tema mi sa che non era semplice e l’hanno interpretato correttamente in pochi
    ♡ B.
    LOVEHANDMADE.ME
    Facebook page
    Fashion blogger Group

    Rispondi
  • °__° senza parole!

    Rispondi
  • diciamo che il look era difficile da interpretare..
    shoulder bags

    Rispondi
  • Oh mio dio.Va bene che il tema poteva essere difficile da interpretare,ma alcuni di questi outfit andrebbero bruciati da quanto sono brutti!
    Il tuo blog è molto carino,se ti va passa da me,potremmo seguirci a vicenda! 🙂

    Only a storm in a coffee cup

    Rispondi
  • Credo che questi eventi nascano per offrire molteplici spunti: che essi siano di critica o di ricerca della capacità a vestire un ruolo diverso dal normale sta tutto negli occhi di chi guarda.
    Alcuni look decisamente poco “portabili”, ma del resto era un evento di moda e la moda la interpretiamo tutti in modo diverso.
    Vado a guardarmi tutta la fotogallery.
    ciao!!

    New Post
    Lo stile di Artemide
    Facebook

    Rispondi
  • Eh beh, se è fescion è fescion, e chissenefrega se si ha un notevole fondoschiena e si vuole indossare jeans skinny con tacchi a spillo (ma non si spezzano?) o sembrare la brutta versione di un personaggio di un qualche improbabile manga giapponese. E’ comunque fescion.
    Questa non è moda, non è eleganza, non è “saper osare”…è non avere oggettività nel guardarsi allo specchio. A seguire questi “esempi glam” (?), risulterebbe di moda anche un costume di carnevale. Ma per piacere.

    Elena
    http://fashion-costume.blogspot.com

    Rispondi
  • Like all these trendy outfits in the post.

    Rispondi

Write a comment