trends

Jewellery design: le mille forme dei gioielli

Avete mai sentito parlare di Jewellery Design? E’ la filosofia, la mente, l’ideazione che c’è dietro la creazione di gioielli e bijoux di alto impatto.

Sto parlando di oggetti che abbracciano la modernità, plasmando l’oro e le materie preziose in forme che su due piedi non riusciremmo neppure a concepire.

Normalmente, parlando di gioielli, siamo abituati a uno stile classico, immaginiamo pietre preziose indistruttibili, che neppure un mulino a dischi riuscirebbe a scalfire. Pensiamo a gioielli che durano nel tempo, a volte anche per sempre, e a materiali di cui conosciamo bene l’aspetto e l’appeal.

Nel mondo del Jewellery Design, però, ci sono designer che si impegnano nel creare gioielli magari meno opulenti, che non durano per sempre, ma che nel momento in cui viviamo si fanno ricordare. Vi mostro qualche esempio:

jewellery-design-2

David Bielander è un designer che ama giocare con i gioielli e confondere la vista di chi guarda. Ecco che, infatti, la sua collezione Cardboard sembra fatta di cartone pressato, mentre invece ci troviamo davanti a innovativi bracciali in oro e argento.

Nathalie Smith è invece ossessionata dal mondo che cambia e così gli oggetti. La materia subisce un cambiamento nel tempo, un cambiamento naturale che proviene dagli agenti esterni e dalla natura stessa dei materiali. Ecco che inserisce questa filosofia all’interno delle sue creazioni fatte di oro, plastica e zucchero; quest’ultimo è un materiale che col tempo si scioglie cambiando forma dei gioielli che, così, mutano nel tempo.

Daniele Papuli più che un designer può essere definito un artista-artigiano. Conosciuto in tutto il mondo per le sue installazioni fatte di carta, si affaccia anch’egli nel mondo del Jewellery Design con la creazione di gioielli raffinati e leggiadri, esposti anche alla Triennale di Milano del 2009 per la mostra “Gioielli di Carta”.

Insomma, la sperimentazione artistica contamina anche il mondo tradizionale e artigiano della gioielleria con risultati che affascinano, stupiscono e talvolta incantano. Voi cosa ne pensate?

(ph. source: designboom – moda pourfemme – nathaliesmith)

13 Comments

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.