trends

Strange kind of fashion

*sottotitolo: cosa non indossare durante le settimane della moda (e mai nella vita possibilmente)

Che le fashion week fuori dai luoghi delle sfilate siano un circo lo sappiamo già tutte, vero?
Si indossa l’impossibile per la gioia effimera di essere fotografate dai fotografi superstar (e a volte nemmeno ci si riesce… ma questa è un’altra storia, fatta di bloggers impazzite che credono che il Carnevale sia ancora in corso).

Non mi piacciono le regole ferree nella moda ma ci sono cose che no, NO!, non vanno a meno che non vogliate essere scambiate per una matta appena scappata da un manicomio.

*subtitle: what you must not wear during fashion weeks (neither in the rest of your life)

We all know that fashion weeks outside runways are a kind of circus.
People wear impossible matches in order to be immortalized by the superstar photographer.
I don’t like rules in fashion but there are things that don’t, DON’T go unless you want to look like a fool.

Qualche esempio:
Some exemples:

– indossare cappelli improbabili e sovrapposizioni senza senso
– wearing unlikely hat and layerings with no sense

 photo image_0051.jpg

– fare mix & match selvaggio di tutte le stampe che avete nell’armadio
– mix & match every printed item you have in your closet

 photo image_0052.jpg

– dimenticare di togliere il grembiule da lavoro
– forgetting to take off your apron

 photo image_010.jpg

– indossare una busta di plastica e un vestito da flamenco (e un paio di scarpe da… ehm, ditelo voi)
– wearing a plastic bag and a flamenco dress (and a pair of…ehm…shoes?)

 photo image_0111.jpg

– uscire in reggiseno quando fuori nevica
– going out with a bra when it’s snowing outside

 photo image003.jpg

– usare scarpe inadatte quando fuori nevica (ok, però magari si incontra un fustaccio gentiluomo che ti solleva e allora non è poi così male)
– wearing inappropriate shoes when it’s snowing outside (ok, you can meet a nice guy who carries you, so this isn’t so bad)

 photo image_011.jpg

– vestirsi da barbona
– dressing like a homeless

 photo image_002.jpg

– vestirsi da nonna (della clutch/astuccio per i pastelli dobbiamo proprio parlare?)
– dressing like your grandma (better not talking about the clutch)

 photo image_004.jpg

– imbrattarsi i capelli come neppure nel peggior periodo di ribellione giovanile
– staining your hair like a rebel teen

 photo image_0021.jpg
photo source: tommy ton x style.com

Voi che pensate?
What do you think?

21 Comments

  • Ho fatto un post similissimo una o due settimane fa! Veramente terribile…tutto pur di restare impresse (non necessariamente in senso positivo…) più delle altre!
    In particolare mi viene da ridere al pensiero di gente smanicata quando nevica e con il tacco a spillo per scivolare meglio sul ghiaccio…mah!

    Rispondi
    • infatti…ho visto bloggers nostrane conciate in maniera imbarazzante e per ora nessuna “foto patinata” per ripagarle dello scherno per le strade. non ci credo che i milanesi non scoppiano in ridolini isterici quando le vedono!

      Rispondi
  • ti dirò, forse avendo lavorato nell’ambiente ci ho fatto l’abitudine, ma me il berretto della prima foto piace sia per la forma ma soprattutto per il colore vitaminico, e il look a stampe selvagge lo trovo particolarmente riuscito, anzi lo indosserei tranquillamente. Non è facile con tutte quelle stampe riuscire un outfit, ed è assolutamente irriproducibilein versione low cost, secondo me gli imprimés richiedono tagli e tessuti impeccabili.

    Rispondi
    • sono d’accordo, il mix&match è impensabile con capi low-cost! tendenzialmente mi piace molto ma qui in particolare lo trovo forzato (per i miei gusti ovviamentei!): scarpe e pantaloni si sposano alla perfezione ma il resto mmm…
      se ti piace il genere ti linko questo servizio dello scorso anno ma secondo me sempre attuale!

      ah a proposito di cappelli, anche a me piace forma e colore…però dai messo così tirato giù non è proprio brutto brutto? e il resto?? se lo portasse come la ragazza in secondo piano in pelliccia avrebbe tutto un altro appeal, non trovi?

      Rispondi
  • Madre santissima. L’unica che salvo è la temeraria in reggiseno, sarà morta di freddo ma almeno è guardabile ahah.
    La quarta ha le scarpe da DragQueen, yeah

    S.

    Rispondi
  • della serie…..bene o male purché se ne parli!!!!Alcune orribili…..penose ed inguardabili.Ti seguo da non molto ma trovo il tuo blog molto carino.Un saluto da veronica.

    Rispondi
  • Ahahaha! Molto divertente questa galleria di streetstyle!

    Baci,

    Benedetta

    http://www.daddysneatness.blogspot.com

    Rispondi
  • Molto simpatico questo post, su alcune cose sono d’accordo, il trend stampe su stampe a me piace 🙂
    xoxo

    Nuovo post: http://valefashionworld.blogspot.it/2013/02/instaweek-8.html

    Rispondi
  • Look assurdi… nel vero senso della parola…

    Rispondi
  • io voglio il fustacchione :p

    Rispondi
  • oooo finalmente un post di questo genere,perchè la moda va anche criticata! e sono veramente stufa di vedere le varie ‘it’ girls che si conciano come dei pagliacci e poi i giornalisti ci servono il loro non stile come roba di alta gamma!
    tu hai detto basta brava e grazie

    Rispondi
  • Grandissima! Hai ragione, certi outfit gridano vendetta. Solo per non passare inosservate.

    Buona domenica! Baci

    Rispondi
  • Rispondi
  • Madame Chanel si starà rivoltando nella tomba…

    Rispondi
  • ahahhaha XD stupendo post!

    http://www.loveandstuds.it/

    Rispondi
  • SANTE PAROLE!!!!XD

    Rispondi
  • Mi hai fatto sorridere, anzi, ridere proprio di gusto!!
    Secondo me si tratta di cafonaggine e cattivo gusto voluti… del resto pur di farsi fotografare! 😉
    Passa da me, c’è un Award per te!

    Rispondi
  • Che senso ha vestirsi in modi così esagerati e brutti? Per una foto? Ci vuole un minimo di decenza!! Ovviamente secondo me!

    http://laveradisordinatamenteme.blogspot.it/

    Rispondi

Write a comment