trends

Where did you leave the good taste?

Aspetto con ansia le settimane della moda perché portano aria di bello, di nuovo. 
Mi aggiorno (tempo permettendo) guardando le foto delle sfilate, creo la mia cartella per la stagione che verrà e mi lascio ispirare dai look degli addetti ai lavori fotografati dai migliori fotografi di streetstyle in circolazione. 
I’m always waiting for the fashion weeks because they bring something beautiful, something new. 
I stay update (if I have some time) with runways pics, I create my folder for next season and I get inspired by the insiders’ looks immortalized by the best streetstyle photographers. 
Ma in ogni cosa c’è sempre il rovescio della medaglia. 
Ed ecco che vediamo comparire outfits che neppure il circo, abbinamenti improbabili, accessori imbarazzanti, il tutto sfoggiato per apparire e, ovviamente, stupire. Le fashion weeks sono anche questo… e stavolta glielo perdoniamo. In fondo siamo a Carnevale, no? 
But there’s the other side of the coin for everything. 
Here they come circus outfits, unlikely matchs, embarassing accessories, everything shown to appear and surprise. Fashion weeks are like this too… and this time we can forgive them. After all it’s Carnival, isn’t it?
modemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstyle
modemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstylemodemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstylemodemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstylemodemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstylemodemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstylemodemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstylemodemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstylemodemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstylemodemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstylemodemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstylemodemoiselle, fashion blogger, fashion week fall winter 2012 2013, streetstylesource: style.com (tommy ton) and grazia.it (nam)

30 Comments

  • oddio! che oscenità!
    oramai sempre più spesso si confonde la moda, ed il saper osare con la pagliacciata!

    Diamanti sul Sofà
    Facebook

    Rispondi
  • Non credo che questi “soggetti” ed i loro look centrino qualcosa con la moda. Si accontentano dell’apparire e del suscitare scalpore, tutto qui.

    =)

    Rispondi
  • C’entrino. Il verbo è entrare, non centrare.

    Rispondi
  • Che ridicole!
    Aproposito
    che ci facevi lunedi’ sera su Tele Akery?
    Ti ho visto per puro caso perche’ non hai detto che ci andavi? 😀

    Fabio

    Rispondi
  • @Fabio: hehe mi hai riconosciuta 😉
    la trasmissione è della compagnia musicale con cui lavoro, lunedì mi hanno chiesto di partecipare e sembra che la puntata sia stata gradita (magari quindi tornerò!). a te è piaciuta?

    Rispondi
  • ups mi spiace ma non tanto a dire il vero, però apprezzo lo sforzo.

    Fabio

    Rispondi
  • Beh, il jeans aperto sulla coscia è senza dubbio innovativo.. Anche se io credo proprio che resterò all’antica 😛

    Rispondi
  • @Fabio: beh è una trasmissione un po’ “particolare” ma so che è seguita e le persone si divertono, è questo l’importante 😉

    Rispondi
  • Si tratta di outfit improbabili e che se vedessi in giro mi farebbero fare delle alzate di occhi da record!

    Buon fine settimana cara!

    Rispondi
  • eh si, hai proprio ragione tu cara. Altro che moda…

    Rispondi
  • sarò forse l’unica a dirlo: ma è questo che poi crea la moda, queste le ispirazioni, le novità, possono piacere come no, ma questa è moda, il resto è solo saper abbinare i colori.

    Rispondi
  • ah ma anche io mi sono fatto un sacco di risate e mi sono divertito 😉

    Fabio

    Rispondi
  • @Giada Straci: sono d’accordo con te fino a un certo punto. non riesco a chiamare “ispirazione” un cane in una borsa o una corona di fiori in testa. gli addetti ai lavori sono spesso audaci, molto più fantasiosi dei semplici amanti della moda e davvero c’è moltissimo da imparare da loro…ma a tutto c’è un limite. se penso alla classe e alla raffinatezza di taylor tomasi hill, di miroslava duma, di giovanna battaglia (giusto per fare qualche nome) non riesco a non fare un paragone con certi outfits al limite del grottesco che, almeno secondo il mio parere da profana, sono sfoggiati più per stupire e “far parlare di sé” che per creare una qualche tendenza.

    Rispondi
  • Ciao bella fantastic post…
    kiss.
    http://mary1975.blogs.elle.es/

    Rispondi
  • Miiiii che orrore, la anna dello russo poi sempre peggio….in confronto io mi vesto bene hahaha!!!

    Don’t Call Me Fashion Blogger
    Bloglovin’
    Facebook

    Rispondi
  • Wow at the lady in the light blue

    Rispondi
  • Il limite tra l’originalità e il cattivo gusto a volte è sottile, e loro lo hanno superato di molto mi sembra o.O

    Rispondi
  • Ma oltre al senso del gusto e della decenza ad alcune di loro manca anche la consapevolezza del fatto che fa freddo??? O_O

    Rispondi
  • Qui di stile e buon gusto non ne vedo proprio!

    http://myvanitydreams.blogspot.com/

    Rispondi
  • Grazie, mi hai dato una super-idea per un post!

    Io AMO il cattivo gusto. Trovo il “malvestito” molto piú interessante del “ben vestito”, ovviamente quando é fatto con fantasia come in queste foto, e adoro le “worst dressed lists”. Penso che la pura GIOIA che porta alla moda un personaggio come Anna Dello Russo o una bambina-prodigio come Tavi sta al cuore della fashion week – senza questi personaggi sinceramente non so se avrei la stessa passione per le sfilate (ormai quando ci vado mi diverto piú a vedere i personaggi all’ingresso che la sfilata stessa). Trovo che la creativitá non ha regole, lo stile non va definito e il vero senso della moda é divertimento e anche un po’ gioco!

    Questa settimana, quando appariranno online le foto delle deliziose pazzie di Londra, faró un post-“Elogio al Cattivo Gusto!” e di sicuro ti nomineró perché mi hai ispirata!

    Rispondi
  • …cioé per “mi hai ispirata” intendo con questo post. Ma penso che si é capito.

    Rispondi
  • strambe! ma nulla è impossibile o importabile 😉 cerco, a tal proposito, nel mio ultimo posto… consigli su scarpe (logisticamente!) importabili o quasi http://modaealtririmedi.blogspot.com/

    Rispondi
  • Ehm….no, direi proprio di no! Non ci siamo! (Confesso che pazzie del genere non ne avevo mai viste!) Ma d’altronde, come dice Sascha come ci faremmo quattro risate senza di loro? In fondo sono geni incompresi (a me non sarebbe mai venuto in mente di ritagliare a quel modo u paio di jeans :P)

    Would you like to take a look here? FollementeFashion

    Rispondi
  • no no no no no no no per carità!! Alcune persone pensano solo ad indossare qualche pezzo di stoffa tagliato nei modi più svariati e colorato nelle maniere più impensabili piuttosto che a valorizzarsi e a non rendersi ridicole…

    Rispondi
  • Myriam in tv?!?!? si può sapere qualcosa di più in meritoooo??? voglio vederloooooo!!! 😉

    quando una passeggiatina/shopping insieme?!?!?

    bisous

    Rispondi
  • aaaaaaaaah il cagnolino!!! cmq concordo, sembra la fiera dell’assurdo… ma sembra quasi l’unico modo per farsi notare, il buongusto non è più di moda!

    Rispondi
  • essere alla moda non vuol dire essere originali ad ogni costo!

    bellissimo post!
    carnevalesco, appunto!

    http://nonsidicepiacere.blogspot.com/

    Rispondi
  • Al primo posto della mia worst list ci metto Anna dello Russo. Improponibile.
    Mari

    Rispondi
  • si, vabbè… ma quando è troppo è troppo!

    Rispondi
  • Dai, la prima è Cicciolina ai tempi d’oro… dite che sia una citazione? No, eh?! 😀

    Rispondi

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.